Bitly è uno strumento tanto semplice quanto eccezionale e geniale.
Inoltre è possibile fare marketing con Bitly.

Ma partiamo dall’inizio.

Cos’è Bitly?

Prima di tutto il sito: https://bitly.com
Si tratta di uno Shortner, cioè un modo per ridurre le dimensioni di ogni link a una dimensione standard.
Questo servizio è nato agli albori di Twitter, quando era indispensabile per poter mettere un link dentro a un Tweet, senza occupare troppi caratteri (su Twitter ne hai solo 140).
Anche se da un bel po’ di tempo Twitter “shorta” automaticamente i link, grazie alla possibilità di fare marketing, Bitly ti permette di fare tantissime cose in più.

Come prima cosa ti consiglio di creare un account, è totalmente gratuito e ti permette di fare un sacco di cose, soprattutto di fare marketing con Bitly.
Puoi farlo in modo automatico collegandoti con il tuo accounti di Facebook o Twitter, oppure inserendo i tuoi dati.
Fallo, fidati.

Link parlanti.

Dopo esserti registrato/a, entrerai nel tuo pannello di controllo e, esattamente come prima, potrai “shortare” i tuoi link e non solo: potrai CREARLI.
Infatti dopo aver copiato l’indirizzo (la URL), automaticamente comparirà a destra un Pop-Up dove in alto vedi la “URL Shortata” (una cosa tipo: bit.ly/1T3…)
Ma sotto c’è una casella cons scritto “Customize”, lì puoi scrivere una parola, o un’insieme di parole (senza spazi), dei numeri…
In questo modo crei un link “parlante” (es: bit.ly/MarketingConBitly).
Le statistiche dicono che i “link parlanti” sono molto più cliccati di quelli generici. Probabilmente perché danno più affidabilità.
Non devono parlare solo a te (niente nomi in codice) ma soprattutto a chi legge.

Dai un titolo.

Subito sotto alla casella “Customize”, trovi la casella TITLE.
Qui di default ti viene creato un titolo. Puoi utilizzare quello o cambiarlo.
La logica è che, a colpo d’occhio, solo leggendo il titolo, ti sia chiaro a che pagina fa riferimento. Anche dopo mesi.
Questo ti servirà quando andrai a monitorare le azioni di marketing con Bitly nel tempo.

Link tracciato.

Questo è il fulcro del marketing con Bitly.
Infatti a prescindere che tu lo abbia reso parlante o no, quel link ora è tracciabile e ciò significa che ogni volta che verrà cliccato tu lo saprai.
Non solo avrai il conteggio di ogni quante volte è stato cliccato, ma potrai vedere quando è stato cliccato in che giorni, in quali momenti… Ecc.

Come fare marketing con Bitly.

Quindi?
Tutto molto bello, ma come è possibile fare marketing operativo?
Puoi farlo a più livelli.

Primo Livello.

Puoi mettere il link all’interno di:

  • Una mail.
  • Di un post.
  • Un tweet.
  • Un articolo del blog.

In questo modo saprai esattamente quanti click avrai ricevuto.

In una mail, mettendo in relazione il numero dei destinatari con il numero di Click potrai conoscere l’efficacia di quella mail.
Se utilizzi un sistema di autoresponder, che ti dice anche il numero di aperture, potrai avere un dato ancora più accurato sull’efficacia della tua Call To Action.

Consiglio.
Una volta raccolti i dati, potresti ad esempio fare un’altra mail con un titolo, un testo e un “angolo d’attacco” diverso che porta sempre alla stessa Call To Action e allo stesso link.

  • Dopo aver raccolto i dati, puoi fare delle valutazioni oggettive su quale mail (e tipo di comunicazione) è stata più efficace.
  • Lo stesso vale per i post e tweet, in questo caso puoi valutare quale sia il più efficace e cliccato rispetto al numero dei tuoi amici e/o followers.
  • Anche in questo caso ti invito a fare dei test, utilizzando post/tweet di solo testo, oppure con delle foto… O con un mix. Valuta quali sono i più efficaci.

Secondo Livello.

I tuoi post/tweet/articolo di cui abbiamo parlato sopra, apriranno una pagina con un’ulteriore Call To Action, magari con una richiesta di preventivo, o una richiesta di Mail e Nome o una richiesta di un “Mi Piace”.
Per farla è sempre necessario cliccare su un pulsante con scritto (ad esempio) “INVIA I DATI”, “METTI MI PIACE”, “VOGLIO ESSERE CONTATTATO”, ecc… a quel pulsante è associato un link della pagina successiva (di solito una Thank You Page, dove si ringrazia per l’azione intrapresa).

Consiglio.

Invece che associargli la URL classica, devi Shortare anche quella e collegarla al pulsante.

  • In questo modo, avrai chiarissima la percentuale di successo della ulteriore Call To Action, infatti sul tuo pannello di controllo di Bitly vedrai il numero di click sul link di primo livello e anche il numero di click sul secondo link.
  • Mettendoli a confronto saprai esattamente quante persone che hanno aperto quella pagina, decideranno di rispondere alla tua seconda Call To Action e quindi capirne l’efficacia.
  • Anche in questo caso testa delle pagine diverse per lunghezza, testo, grafica… più informazioni hai, più forza hai in vendita.

Concludendo.

Come vedi fare marketing con Bitly è facilissimo e super-intuitivo.
Le informazioni che ti dà sono probabilmente poche e semplici, ma sono le più importanti che devi avere per capire l’efficacia delle tue azioni.
Perché ricorda: l’unica cosa che conta, nel marketing, sono i risultati.