Prima ancora di creare il tuo sito, è fondamentale che tu capisca da dove partire.

Qual è il tuo primo passo.
Perché quel passo segnerà l’inizio della tua strada.
Un passo in una direzione ti porterà su un percorso diverso rispetto a un altro.

Ci sono innumerevoli modi per capire da dove partire, alcuni anno a che fare con la tua Mission, altri con quanto vuoi guadagnare, altri ancora con le tue passioni.
Tutti molto giusti, ma è difficile scendere nel concreto e capire esattamente qual è quel primo passo.

Ti consiglio due alternative.

Devi porti queste due domande, in alcuni casi una esclude l’altra.

#1 – Quali sono le necessità/problemi che hanno i miei potenziali clienti?

I consumatori più propensi ad accettare le tue soluzioni/servizi, sono quelli che hanno dei problemi da risolvere.
Sono coloro che nel loro percorso di vita sono arrivati a un ostacolo che non riescono a superare, oppure sono consapevoli di avanzare a fatica a causa di una zavorra che si stanno portando dietro.
Sono persone che hanno due caratteristiche fondamentali:

  1. Hanno chiaro il loro bisogno.
  2. Hanno il desiderio di risolverlo.

Il tuo compito è prima di tutto capire chi sono queste persone, fai una sorta di identikit (anni, età, sesso, interessi, hobby, ceto d’appartenenza, possibilità economiche…).
Dopodiché devi risolvere concretamente il loro problema.
Devi dare loro gli strumenti (in modo gratuito) per risolverselo da soli, alcuni di essi ce la faranno e ti saranno grati per sempre (entrate indirette), altri no e ti chiederanno si supportarli (entrate dirette).

LEGGI ANCHE:

 Come funziona il processo d'acquisto on-line.

#2 – Quali sono i problemi che sai risolvere?

Parti da quelli che sono i tuoi “cavalli di battaglia”, dove ti senti più ferrato/a e in grado di portare un valore di alto livello, quali sono i tuoi talenti e le cose che ti piace fare.
Il tuo compito è di creare un documento (video, pdf, audio…) che sia una sorta di guida ultra-dettagliata sul quanto sia importante concentrare energie su quel particolare aspetto e come fare per ottenere superare quel problema e/o ottenere quel risultato.
Una volta fatto questo, devi identificare chi sono i possibili destinatari e farne un identikit dettagliato, ancora di più rispetto a prima (aggiungi quali siti frequentano, su che canali social sono presenti, quali sono i personaggi/trend che seguono, quali libri leggono, quale musica e radio ascoltano…).
Anche in questo caso, devi prevedere una parte Free che fornisce tutto per “fare da sé” e un upgrade Pay per chi non solo non riesce da solo, ma vuole addirittura andare oltre e/o minimizzare la curva di apprendimento.



Concludendo.

Non identificare bene il Dove Partire è un problema tanto sottovalutato quanto importante.
Ho visto (e vedo) tanti Mental Coach partire da “Fuffa”: da cose poco concrete e quotidiane.

NB: Il fatto che tu abbia lavorato tanto su di te e abbia capito che le cose importanti siano altre, non significa che anche le altre persone siano già pronte a quel passo.

Ripensa al tuo percorso, probabilmente tu stesso/a all’inizio hai fatto piccoli passi.
Dedica tempo a questo aspetto, vai a scovare quali problemi concreti e quotidiani puoi risolvere e inizia a creare delle soluzioni che siano “tagliate” sull’identikit del cliente tipo (uno o più di uno) che hai creato.

Quello è il punto da dove partire, dopodiché il tuo percorso ti porterà lontano da quel punto, ma ciò di cui hai bisogno è una base di partenza solida e forte.

Se cerchi consigli su argomenti dai quali partire, sotto trovi un articolo che identifica i 5 problemi che, secondo uno studio, sono all’ordine del giorno della maggior parte delle persone al Mondo.

LEGGI ANCHE: I 5 buoni propositi più comuni.